TRATTAMENTI TERMICI: CRYOBOX

Ci sono poi trattamenti termici con azoto liquido che gasifica e si utilizzano i  CRIO BOX in fase gassosa si usa si l’azoto liquido viene spruzzato che gassifica e si crea una temperatura sotto zero e una temperatura regolabile termostatata e posso creare delle rampe di salita e di discesa della temperatura,  con tempi diversi,  in modo da poter dare al materiale che viene trattato un  “diagramma di stato di funzione” del raffreddamento o anche  del  riscaldamento questo serve ad esempio per ottenere la trasformazione dell’austenite residua,  in martensite. La martensite conferisce all’acciaio una durezza superficiale maggiore e una durabilità all’usura superiore nel tempo, rispetto ai materiali non trattati in questo modo. Il CRIOBOX  sostanzialmente  è un grosso frigorifero, un grosso contenitore in cui viene generata, tramite l’azoto liquido gasificato un atmosfera fredda.

Questa atmosfera fredda trasferisce le frigorie ai vari manufatti. Criobox si utilizza l’ azoto in fase gassosa  con temperature che possono variare da – 100° a – 180° e i manufatti sono immersi in un’atmosfera di azoto gassoso; mentre per il DUEVAR, serbatoio piccolo,  l’azoto viene utilizzato in fase liquida a temperatura costante – 196°

    Contattaci

    Compila il format per qualsiasi informazione.